il pavimento in legno e l’umidità

L'umidità relativa nei pavimenti in legno

Il legno è un materiale igroscopico il che significa che scambia umidità con l'ambiente circostante.

Affinchè non ne risenta, il legno deve rientrare in un intervallo specifico di umidità, affinche non avvengano reazioni irreversibili come fessurazioni o dilatazioni incontrollate.

Il legno, a seguito di una corretta stagionatura può avere un umidità relativa compresa tra il 9% e l'11%.

Al di fuori di questi parametri, il legno può deformarsi in maniera irreversibile.

Le condizioni ambientali in cui viene posto possono variare il contenuto di umidità relativa del pavimento in legno, ed è quindi fondamentale conoscere le condizioni ambientali dove viene installato e regolarle in un intervallo consono se fuori dagli standard.

Il legno, come l'essere umano infatti, sta bene in un ambiente con un intervallo di temperature tra i 19 e i 25 gradi e un umidità relativa tra il 40 e il 60 %. 

Risulta chiaro che riscaldamenti troppo elevati o mancanza di un controllo sull'umidità relativa pregiudicano le caratteristiche del parquet. Vediamo nella tabella sottostante come cambia l'umidità relativa a seguito di una variazione ambientale:

 

Come vediamo nella tabella, umidità ambientali troppo elevate o troppo ridotte pregiudicano il parquet.

Per approfondire le conoscenze sull'umidità di risalita nei sottofondi consigliamo di leggere questo articolo

Leave a comment to this post Required fields are marked *